Dalla Cina le nuove stampanti Water-Jet che usano l’acqua al posto dell’inchiostro

Dalla Cina arriva una notizia entusiasmante: alcuni chimici dell’università di Jilin hanno messo a punto una rivoluzionaria stampante che usa l’acqua al posto dell’inchiostro. Non è solo una questione di risparmio, se pensate al costo esagerato delle normali cartucce d’inchiostro, ma è anche una questione ecologica! Si perchè la carta, nel giro di 24 ore, ritorna bianca e può essere riutilizzata! 

“Si tratta di una normalissima stampante”, spiega Sean Xiao-An Zhangdocente di chimica presso l’università cinese. Le cartucce vengono riempite con semplice acqua di rubinetto, la “magia” viene compiuta dalla carta, la cui superficie è ricoperta da un colorante invisibile (ossazolidina) che reagisce a contatto con l’acqua cambiando colore. Il liquido ha la funzione di attivare le molecole coloranti che ritornano invisibili quando l’acqua evapora. L’evaporazione avviene normalmente in 24 ore ad una temperatura di 35 gradi e più velocemente a temperature superiori.

In questo modo ogni foglio può essere riutilizzato decine di volte riducendo drasticamente il consumo quotidiano di carta per tutti quei documenti ad uso temporaneo. Infatti, secondo alcune statistiche riportate dai ricercatori cinesi, circa il 40% dei documenti stampati in ufficio vengono cestinati dopo la prima lettura.

Per il momento è possibile riprodurre singolarmente i colori oro, blu, magenta e porpora. Le diverse colorazioni si ottengono utilizzando 4 varianti della molecola colorante. Per ottenere una stampa fotografica i chimici cinesi devono ancora trovare il modo di utilizzare contemporaneamente i colori e miscelarli per ottenere le altre tinte.

Varianti ossazolidina

La risoluzione delle immagini e la stabilità della stampa non sono ancora ottimali e dovranno essere migliorate per poter garantire una certa affidabilità. Nell’immagine in basso è messa a confronto la stessa stampa effettuata con acqua  (a sinistra) e con il normale inchiostro (a destra). Il test è stato effettuato utilizzando la stessa stampante in entrambi i casi, sostituendo semplicemente la cartuccia originale con una cartuccia caricata ad acqua.

Confronto stampa water-jet

Secondo quanto annunciato sulla rivista Nature Communications, la carta è assolutamente sicura ma sono in atto alcuni test per accertare la totale assenza di elementi tossici che potrebbero essere nocivi alla salute.

Lascia una risposta