Oltre l’effetto di un trip

Oltre l'effetto di un trip

Quanti momenti della vita ci fanno vacillare al punto di perdere la cognizione di noi stess? Quante volte le sensazioni sono così intense e confuse da catapultarci “oltre l’effetto di un trip“? E chissà quante volte basta solo una musica…

 

Oltre l’effetto di un trip

Oltre l’effetto  d’un trip,
il vento, un salto, un volo,
oltre dove non racconti,
l’oltre sgrammaticato che senti dentro,
senti e basta,
meglio di qua non si va ,
non ci si saluta, è tutto fermo e non si muore.
E’ una sala di rianimazione
si pompa il cuore a qualsiasi cosa,
ad un uccello di pezza che poi prende il volo
con me, con te , con noi,
là in quell’oltre,
dove anche gli scarti vanno bene.
Oltre l’effetto d’ un trip
il fermo in noi è in movimento
non ha sentieri e parabole a ricevere lo stop,
qui siamo senza antenne di ricezione,
c’è solo silenzio che ci strappa dagli occhi
luce e acque, e non è pianto,
forse solo pensieri che inventano il mondo
oltre l’effetto d’ un trip.

di Pasquale Sacchinelli

Lascia una risposta