No stampa, no sprechi con il file formato WWF

WWF file che non si stampano

A Natale il WWF ha deciso di fare un regalo all’ambiente e manda in giro il simpatico Panda.

Il simbolo dell’associazione ambientalista se ne va a spasso per il mondo con un file nuovo di zecca che, inibendo la stampa dei file, impedisce lo spreco di carta.

Stampare documenti e messaggi di posta elettronica perché ci sentiamo più tranquilli a conservarne traccia su cartaceo è un’abitudine che è dura a morire. Un gesto quasi naturale, che se ripetuto decine, centinaia o addirittura migliaia di volte causa un impatto tutt’altro che trascurabile sull’ambiente, a causa di un eccessivo impiego di carta, energia e inchiostro.

Così il WWF, con l’intento di sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema, ha deciso di lanciare un nuovo formato di file elettronico “verde”. Si tratta di un particolare formato di file che è tecnicamente molto simile al formato pdf, ma a differenza di questo non può essere stampato, l’opzione di stampa è, infatti, totalmente bloccata. Il file è stato battezzato file WWF ed è già disponibile il download gratuito di un’applicazione per i sistemi Mac OS X  (presto sarà rilasciata anche la versione Windows) in grado di convertire i documenti in questo particolare formato. Starà agli utenti decidere quando ricorrere al software prima di inviare un file ad amici o colleghi.

Una provocazione? Forse. Di sicuro il WWF ha trovato un buon sistema per riportare all’attenzione un tema come quello dell’eccessivo impiego delle risorse, troppo spesso trascurato da tutti soprattutto negli ambienti di lavoro.

Lascia una risposta