Lucio Dalla non è morto! E solo alla fine del primo atto

Lucio Dalla

La morte è solo la fine del primo atto” ebbe a dire una volta Lucio Dalla. Già, solo la fine del primo atto. Peccato che a noi non sarà concesso di vedere il seguito della commedia che, chissà quando e chissà dove, il grande Lucio continuerà a recitare.

“Caro amico ti scrivo così mi distraggo un po’ e siccome sei molto lontano più forte ti scriverò…”

Siamo ancora troppo attoniti per avere la lucidità di scrivere un doveroso omaggio a Lucio Dalla. Troppa improvvisa la sua morte, troppo poco il tempo trascorso per riuscire a metabolizzarla. In questo momento si sente solo un grande bisogno di dirgli grazie per quanto è stato capace di donarci. Grazie per la sua poesia, per la sua musica, per il suo eclettismo, per il suo saper stare fuori dagli schemi senza eccessi. Grazie per la sua genialità, per la sua discrezione e per il suo esempio di persona perbene.  Grazie Lucio e maledetto il fato che così prematuramente ti ha strappato a noi. Oggi, vogliamo salutarti con quel timore reverenziale che si deve ai “Grandi”, domani, forse, parleremo della tua vita, ricorderemo le tue canzoni, citeremo i tuoi versi. Ma adesso è solo il momento del silenzio. Quel silenzio fatto delle parole mute che stentano a uscire dal cuore e dalla mente. E con questo silenzio accompagneremo il sipario che cala sul tuo primo atto.

Ciao Lucio, amico di sempre.

Lascia una risposta