La Luna, in rotta verso l’Oscar

la luna

Una fiaba senza tempo quella raccontata da Enrico Casarosa nel cortometraggio “La Luna”, nominato agli Oscar del 2012.

La Luna che naviga alla conquista dell’Oscar non è la romantica Selene che ci guarda da lassù, ma una piccola e vecchia imbarcazione in cui si svolge la storia del delizioso cortometraggio cartoni animati scritto e diretto, appunto, da Enrico Casarosa.

Prodotto dalla Pixar, “La Luna” è la storia di un ragazzo che, affacciandosi alla vita con tutti i conflitti e le contraddizioni dell’adolescenza, scopre quasi all’improvviso il mondo degli adulti. Papà e nonno lo portano a pescare sulla loro vecchia barca “La Luna”. Il ragazzo resta incantato alla vista della luna che sorge sullo specchio d’acqua increspato dalle onde. La storia conduce lo spettatore alla scoperta del misterioso lavoro, un po’ mitico e un po’ magico, che la famiglia del protagonista svolge da generazioni. Ed è qui, in quella piccola imbarcazione circondata dal mare e dalla notte, che il bimbo si chiede per la prima volta che cosa farà da grande. Seguirà la tradizione di famiglia o la vita lo porterà per altri lidi?

Il corto ha influenze tutte europee: s’ispira a Distanza dalla Luna, racconto de Le cosmicomiche di Italo Calvino e a Il Piccolo Principe di Antoine de Saint-Exupéry. Il tono poetico e il ritmo lento del cortometraggio evidenziano il tocco tutto italiano di Casarosa cresciuto con i capolavori del maestro giapponese Hayao Miyazaki.

CasarosaLa storia di questo quarantenne genovese è simile a quella dei tanti (troppi) talenti in fuga dall’Italia. Finito il militare, Enrico cerca fortuna negli Stati Uniti.  Approda a New York per studiare animazione alla School of Visual Arts and Illustration at the Fashion Institute of Technology. Arrivare alla Pixar, come è facilmente intuibile, non è stato facile. Prima è stato a Boston, dove ha partecipato a un workshop di animazione. Dopo si è trasferito a New York, dove ha lavorato, tra l’altro, per Disney Channel e per gli Sky Studios. Nel 2002 partecipa come story artist a Cars ed è qui che arriva il successo.Seguono Ratatouille e Up!, entrambi premiati con un premio Oscar. Oggi vive a San Francisco, in California, e quando propone “La Luna” alla Pixar non hanno fatto obiezioni: sapevano già con chi avevano a che fare.

La Luna é una storia molto personale, ispirata dalla mia infanzia in Italia”, dichiara in un’intervista Casarosa, il creativo connazionale che ci rende fieri e che oggi vive e lavora negli Stati Uniti. E’ il primo italiano che ha firmato un cortometraggio della Pixar, l’azienda a marchio Disney, dove lavora dal 2002. Già con questa sua “opera prima” ha ottenuto la consacrazione da parte dell’Academy Awards, con una nomination che la notte del 26 febbraio 2012, potrebbe regalargli, come speriamo tutti, la mitica statuetta dell’Oscar.

Lascia una risposta