Il Gabbiano corso si accasa a Siracusa

Gabbiano Corso a Siracusa

Nella riserva naturale siracusana di Vendicara, un evento di grande rilevanza scientifica: arriva e nidifica il Gabbiano corso.

C’è un ospite prestigioso nella riserva naturale di Vendicari: il gabbiano “Corso”, una specie con la fine del becco color corallo, che ha occupato ormai stabilmente la riserva con circa cinquanta coppie che hanno deposto le loro uova e allevando i loro piccoli.

“È un evento di eccezionale rilevanza scientifica” dice Renzo Ientile, l’ornitologo siracusano del dipartimento di Biologia animale dell’università di Catania, autore della scoperta. “La presenza del gabbiano Corso è stata certificata grazie a una ricerca compiuta dall’ateneo catanese in collaborazione con il dipartimento regionale delle Foreste demaniali. Il gabbiano Corso, ha rischiato la totale estinzione attorno gli anni ’70, a causa dell’eccessivo sfruttamento delle acque costiere per la pesca e la riduzione di tratti di costa lasciati liberi e indisturbati da parte dell’uomo“.

La presenza del gabbiano Corso è circoscritta al bacino del Mediterraneo. Circa il 70% delle coppie nidificanti è localizzato in due sole super-colonie in Spagna, quella del Delta dell’Ebro e quella delle Isole Chafarinas. Attualmente in Italia si riproducono circa 600 coppie, in 20 siti, dislocati principalmente lungo le coste della Sardegna, nell’arcipelago toscano, in un paio di siti in Puglia e Campania. In Sicilia la sua nidificazione non è stata mai documentata prima d’ora. La Riserva di Vendicari, sebbene solo di recente colonizzata, rappresenta già un sito di grande rilevanza, per la posizione geografica e per il cospicuo numero di coppie ospitate, che potrebbero incrementarsi in futuro. Per Carmelo Frittitta, neo dirigente del Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali dell’Ufficio di Siracusa, “La diversità biologica di Vendicari non finisce di stupire, salgono con questa segnalazione a 58 le specie nidificanti delle complessive 241 specie avvistate nella riserva che è stata definita l’albergo degli uccellii”.

Il particolare evento naturale è anche frutto dell’azione costante di tutela e salvaguardia della riserva posta giornalmente in essere dal personale del dipartimento e dalla costante collaborazione del Distaccamento Forestale di Noto e della Capitaneria di Porto di Siracusa.

Fonte: La Sicilia web

Lascia una risposta