“I giusti d’Italia”, una definizione del cristianesimo

I giusti d'Italia

“I Giusti d’Italia”. Ci sono donne e uomini che conoscono il significato della parola “cristiano”, perché sta scritto con lettere di fuoco nelle loro coscienze.

La pietà cristiana, la solidarietà cristiana, la carità cristiana, il sacrificio cristiano.

Queste persone hanno messo in gioco se stesse, con loro immenso rischio, e con quello dei loro cari; hanno lanciato il cuore oltre l’ostacolo, hanno deciso. Non hanno lasciato che non si decidesse. E sotto la volta dell’immenso mausoleo della storia, i loro nomi vanno iscritti nel novero dei seguaci meno “mediati” di Cristo. A loro va il rispetto, la considerazione, come va a tutti quei giganti dell’umanesimo, uomini e donne, santi di diritto, che non ce l’hanno fatta a nascondersi dietro una sofferenza intellettuale, o un travaglio mistico. No, loro non ce l’hanno fatta. Santi per merito, non per scelta; santi per vocazione, non per procedura.

E’ un elenco di donne e  uomini, non ebrei, che hanno salvato gli Ebrei stessi dalla deportazione, dalla disperazione, dalla morte. Ad ognuno di essi, singolarmente,uno ad uno, va il riconoscimento di ogni laico e di ogni non laico. Ad ognuno di essi, anche quelli che non stanno scritti qui sotto, va il riconoscimento della storia. E in definitiva di tutta l’umanità.

I giusti d'ItaliaMaria Antoniazzi (Madre Antonia)
Don Ernesto Ollari
Padre Benedetto Maria (Pierre Peteul)
Don Enzo Boni Baldoni
Don Francesco Brondello
Padre Aldo Brunacci
Madre Sandra Busnelli
Don Eugenio Bussa
Don Leto Casini
Madre Maria Maddalena Cei
Don Alessandro Di Pietro
Madre Maria Angelica Ferrari
Padre Giuseppe Girotti
Don Giulio Gradassi
Madre Elisabetta Maria Hesselblad
Madre Maria Giuseppina (Barbara Lavizzari)
Monsignor Giuseppe Placido Nicolini (Vescovo di Assisi)
Don Arturo Paoli
Don Ferdinando Pasin
Don Benedetto Richeldi
Padre Cipriano Ricotti
Monsignor Luigi Rosadini
Monsignor Angelo Rotta
Don Dante Sala
Don Carlo Salvi
Monsignor Beniamino Schivo
Fratel Emanuel Stablum
Emma Talamonti (madre Fernanda)
Don Gaetano Tantalo
Don Raimondo Viale
Pastore Tullio Vinay
Don Federico Vincenti

E oltre a questi religiosi anche altri religiosi, e tante, tante altre persone senza voti che qui non possiamo riportare per brevità, ma le cui storie, insieme a quelle dei religiosi, sono riportate nel libro “I giusti d’Italia”, curatori Israel Gutman e Bracha Rivlin, edito da Mondadori nella collana “Oscar Storia”.

Lascia una risposta