Fotovoltaico, miracolo a Caluso

Fotovoltaico

Dalla spazzatura al fotovoltaico! Ci sono divini miracoli improbabili e umani miracoli possibili e nel Comune di Caluso hanno dimostrato che passare da una maleodorante discarica a un impianto fotovoltaico che produce energia pulita, è un tangibile e umano miracolo possibile.

A Caluso, piccolo paese in provincia di Torino che conta circa ottomila anime, esisteva una discarica comunale risalente agli anni ’70 in completo stato di abbandono e degrado. Sterpaglie e rifiuti in superficie, percolato e presenza di biogas nel sottosuolo. Anche Caluso, dunque, aveva la sua bomba ecologica: l’intera area era da bonificare con urgenza. Stranamente, però, l’intero perimetro non era nell’elenco dei siti da bonificare redatto dalla Regione Piemonte. Allora come fare a risanare il territorio, migliorare la qualità dell’ambiente e, magari, rendere l’intera area produttiva? Quale progetto poteva mettere insieme bonifica, rispetto dell’ambiente e possibilità di guadagno? La risposta è semplice: l’installazione di un impianto fotovoltaico. Detto fatto. Si sono messi all’opera e oggi il Comune di Caluso ha potuto scrivere la parola “fine” sotto l’annoso problema d’inquinamento che affliggeva il suo territorio e finalmente potrà anche godere delle entrate derivanti dalla vendita di energia e dal riconoscimento degli incentivi da parte del GSE (gestore del servizio elettrico nazionale).

Inoltre, con questo progetto Caluso ha raggiunto l’obiettivo di entrare nel novero degli Enti pubblici virtuosi per la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili (la produzione annua attesa di energia è di 1.230.000 kW), permettendo un importante risparmio sia sulla produzione di anidride carbonica, sia sulle tonnellate equivalenti di petrolio. L’impianto, costato circa quattro milioni di euro, sarà interamente finanziato con la vendita dell’energia elettrica prodotta (entrata annua prevista 383.793 euro).  Costituito da 4.158 moduli fotovoltaici (per una superficie complessiva di pannelli installati pari a 6.324 mq e una potenza di 997,92 kW), l’impianto è completamente recintato e controllato da sedici telecamere (14 fisse e due in movimento), oltre a possedere sensori a microonde che rilevano passaggi di eventuali animali.

M&M Settore Energia e Domotica

Lascia una risposta