Energie rinnovabili, quando i social network diventano green

Energie rinnovabili, quando i social network diventano green

Anche i social network diventano sempre più green con le energie rinnovabili. Basta fare un giro in rete per rendersi conto che le energie alternative attecchiscono con grande facilità su piattaforme che hanno a cuore le tematiche ecologiche e la vivibilità del nostro Pianeta.
D’altro canto, anche in Italia assistiamo quotidianamente alle proposte sulle energie rinnovabili che provengono da realtà importanti, come Enel Green Power, Edison, Illumia. Tutte iniziative volte al risparmio energetico, tutelando e rispettando sempre più l’ambiente in cui viviamo.

Tuttavia la stessa tutela dell’ambiente è ora vissuta non solo come un’opzione alternativa, ma come una questione sociale globale, rispetto alla quale l’impegno massimo di tutti passa anche attraverso la rete. Di qui le numerose proposte che sono fatte, volte a sensibilizzare l’opinione pubblica sull’assoluta necessità di strategie e comportamenti cosiddetti eco friendly.

Una delle ultime iniziative in ordine di tempo, è stata la giornata mondiale della Terra, organizzata dall’Earth day Network, un evento celebrativo che ha visto unite nelle battaglie ecologiche una serie di grandi città sparse per tutto il globo. L’evento è riuscito a coinvolgere addirittura 192 Paesi.

La Francia si sta distinguendo per queste politiche ecocompatibili, col lancio in rete di diverse iniziative, tra cui spicca il social network green Social-planet, un luogo virtuale, e non solo, deputato alla promozione dell’ecologia e delle energie rinnovabili. Un social network, questo, dedicato a iniziative sociali e solidali da parte degli operatori economici. Al momento sono in campo ben 2100 operatori con quasi 200 iniziative.

Poi c’è Newmanity, iniziativa culturale eco friendly volta a sensibilizzare l’opinione pubblica sull’importanza delle tematiche ambientali. Qui si possono condividere eventi, workshop, corsi di formazione e quant’altro al fine di educare o rieducare i cittadini sulla cura del nostro pianeta.

E c’è ad esempio anche Koom.org, portale di eco cittadinanza attiva, che sin dal 2012 vanta numerosissime viste e un vasto consenso. La sua finalità è di riunire i cittadini con azioni collettive volte portare o riportare il pensiero green nelle piccole azioni quotidiane.

In definitiva, i social network green e le energie rinnovabili stanno finalmente prendendo il sopravvento su una visione statica e incrostata di un mondo che, se non corretto in tempo, rischia in pochi decenni di diventare completamente invivibile a causa della perniciosa incuria degli uomini che lo vivono.

Lascia una risposta