A Castelbuono asini netturbini, un esempio replicato in tutta Italia

A Castelbuono asini netturbini, un esempio replicato in tutta Italia

Chi l’avrebbe mai detto? A Castelbuono ai rifiuti ci pensano efficienti e mansueti asini netturbini. Un esempio di come si possa fare necessità virtù. Un esempio di buon governo cittadino. Un esempio replicato in tutta Italia.

Asini netturbini, asini operatori ecologici che sostituiscono egregiamente il lavoro umano. A Castelbuono, un piccolo centro in Sicilia all’interno del Parco delle Madonie, quello che sembrava impossibile è diventato una realtà: dal 2007 i servizi di nettezza urbana sono effettuati non più dagli uomini o dai macchinari, bensì dagli asini.

Asini netturbini che svolgono il loro mestiere in maniera più che egregia, a giudicare dai commenti e soprattutto dai risultati. Si tratta per la precisione di asini ragusani, quella che è considerata una specie in via d’estinzione.

Ad avere l’intuizione è stato un amministratore locale, il già Sindaco di Castelbuono Marco Cicero, il quale ha mutuato l’idea da un convegno sui parchi mondiali che si era tenuto nella città irlandese di Belfast. E così decise di realizzare un servizio di nettezza urbana teso sicuramente a migliorare la qualità dell’ambiente del proprio Comune.

Cicero fece acquistare sei esemplari di asine al costo non eccessivo di 6000 euro. Le femmine furono preferite ai maschi, poiché più mansuete. Considerando che un autocompattatore normalmente costava trentamila euro e che la sua durata media è di circa cinque anni, mentre gli asini durano molto di più, fatti due conti si è capita subito la convenienza economica dell’operazione.

Non solo, gli asini netturbini riescono a infilarsi agevolmente in vicoli molto stretti nei quali non arrivano certo mezzi a motore di ben diverse dimensioni. A fronte dell’utilizzazione di questi splendidi amici dell’uomo per otto mesi consecutivi, e senza ferie, sono state raccolte circa 140 tonnellate in più di rifiuti rispetto all’anno precedente.

Non solo la sperimentazione a Castelbuono è diventata una splendida realtà, ma vi sono state emulazioni da allora in molti altri comuni siciliani, toscani e liguri, con risultati del tutto soddisfacenti. In fin dei conti si tratta di un’operazione premiante sia da un punto di vista ambientale, sia da un punto di vista sociale, giacché molte persone che accompagnano le asine sono svantaggiate, come disabili psichici, ex tossicodipendenti e quant’altro.

Bravo il sindaco Marco Cicero, bravi gli amministratori degli altri Comuni che hanno seguito il suo vincente esempio e bravi anche i simpatici asini netturbini.

Lascia una risposta