Antoni Gaudí, il plasmatore degli elementi

Sagrada Familia

Oggi il doodle di Google è dedicato ad Antoni Gaudì, l’artista catalano che nella sua Barcellona è soprannominato “l’architetto di Dio”.

Per i barcellonesi l’arte di Antoni Gaudì ha davvero qualcosa di divino. L’architetto con il suo estro, la sua capacità di plasmare pietra, laterizio e ferro e piegare gli elementi al suo volere, ha reso le vie di questa città uniche. Grazie a un processo creativo completamente nuovo e al ricorso di forme geometriche non euclidee, Gaudì ha rivoluzionato il concetto dello spazio che fino allora era rimasto statico. Utilizzando gli stessi materiali dei costruttori medievali (pietra e laterizio) nelle sue opere ha lasciato tanto spazio a luce e colori reinventato così il modo di costruire.

Antoni Gaudì

Chi ha già avuto la fortuna di vedere la città catalana, sa che camminando per le sue strade si ha la sensazione di attraversare un museo a cielo aperto. Patrimonio di tutti, i suoi eterni capolavori lasciano un segno tangibile e indelebile nell’animo di chi li osserva. Oggi si festeggiano i 161 anni della sua nascita e Google li ha voluti ricordare con un suo immancabile doodle che mostra sei bellissime e colorate tessere in cui sintetizza il genio, lo stile e l’arte di Gaudì. Il suo nome è legato principalmente all’architettura sacra. A lui si deve la progettazione e nell’esecuzione del Tempio della Sagrada Familia, uno dei più grandi capolavori architettonici moderni. I lavori per la costruzione sono iniziati 127 anni fa, ma non sono ancora finiti. Si prevede che termineranno verso il 2030. Ma anche se incompleta, questa “cattedrale” è già una delle meraviglie ammirate da tutto il mondo, dichiarata dall’UNESCO patrimonio dell’umanità.  Quest’opera è ritenuta insieme al Parco Guell il suo capolavoro più grande.

Grazie, dunque a Google, che con il suo doodle ci ha dato modo di parlare Antoni Gaudì, architetto geniale e innovativo, ricordato da Wikipedia come il massimo esponente del modernismo catalano.

Lascia una risposta