Alessandro Diddi, i disegni in 3D del genio italiano

Alessandro Diddi

Si chiama Alessandro Diddi l’artista che con una matita e qualche foglio di carta dà vita ai suoi disegni percepiti in 3D riuscendo a cancellare i confini tra finzione e realtà.

E’ proprio vero che il genio italiano non ha confini, e Alessandro Diddi né è un fulgido esempio. I suoi disegni anamorfici richiedono solo una matita e pezzi di carta, ma sono così ingegnosi che se visti da una certa prospettiva, danno l’illusione ottica di saltare fuori dalla pagina. In pratica le sue opere si percepiscono in 3D. D’altra parte, lo stesso artista rileva, che non è “necessario consumare una grande quantità di risorse per realizzare qualcosa di interessante. Tutto ciò che serve sono una matita e qualcosa cui attingere, e si può creare qualcosa di veramente magico”. Ma che cosa sono i disegni anamorfici?  Sono disegni o in generale immagini che vanno guardate, appunto, da una certa prospettiva, altrimenti non si ottiene l’effetto desiderato. L’anamorfismo, di fatto, è quella sorta d’illusione ottica per cui un’immagine è realizzata, o proiettata, su un piano in modo distorto e che, se guardata da una posizione precisa, dà all’osservatore la percezione di una figura tridimensionale.

Oltre agli effetti di luce e ombra, Diddi utilizza altri oggetti di scena e con estro e maestria riesce sempre a ingannare la mente sorprendendo e, perché no, anche emozionando il fortunato osservatore. “Voglio che i miei disegni a mettere tutto il messaggio che l’occhio può ingannare la mente e farvi credere che ci sono dimensioni che non sono veramente lì.”, ebbe a dire una volta Alessandro. E se il suo intento è questo, ci riesce egregiamente.

Alessandro Diddi

“Quando le persone vedono i miei disegni – ha spiegato Diddi al Daily Mail – sono spesso piacevolmente sorpresi, non riescono a capire esattamente come sono riuscito a ottenere l’aspetto 3D.” Reazioni del tutto comprensibili per chi si approccia per la prima volta a un disegno anamorfico. Secondo l’artista, quando si capisce il meccanismo del disegno anamorfico, ci si rende conto che mettere insieme disegni come questi in realtà non è così difficile. Sarà, ma per noi comuni mortali le opere di Diddi ingannano così bene occhi e cervello, che restano qualcosa di incomprensibile e, perciò, di magico. La tecnica dell’amorfismo è stata utilizzata da molti artisti in tutto il mondo, ma i disegni di Alessandro hanno sicuramente qualcosa di speciale: utilizzando semplici oggetti come matite, un anello di nozze o le sue mani, Alessandro Diddi soffia un alito di vita in tutti i suoi incredibili disegni.

Alessandro Diddi, espone su DeviantArt.com, la comunità online che mette in mostra varie forme opere d’arte. Lanciata il 7 agosto 2000 da Scott Jarkoff, Matthew Stephens, Angelo Sotira e altri. DeviantArt, Inc. ha sede a Hollywood zona di Los Angeles , California , Stati Uniti.

Lascia una risposta